CONSIGLI SU MISURA: COME ARREDARE LA CAMERETTA DI UN NEONATO.

La nascita di un bambino è uno degli eventi più felici della vita: ecco qualche consiglio su misura per arredare la cameretta di un neonato.

La cameretta di un neonato è un luogo davvero magico: la stanza che accoglierà i suoi primi vagiti, i suoi primi sorrisi, i suoi primi momenti di gioco e i momenti di intimità con la mamma e il papà. Per questo è importante renderla un nido accogliente, dove il bebè potrà dormire tranquillo e scoprire, poco alla volta, il mondo.

COME ARREDARE LA CAMERETTA DI UN NEONATO: GLI ARREDI ESSENZIALI.
Chi è alle prese con una prima gravidanza, spesso si fa prendere dall’emozione del momento, tralasciando quelle che sono effettivamente le necessità di un neonato. Arredare una cameretta infatti non significa decidere quali giocattoli comprare per il bambino ma, piuttosto, trovare uno spazio in cui riporre vestitini, bavaglini, pannolini, asciugamani, biberon e quant’altro. Quindi sarà utile procurarsi una culla per i primi mesi (per i mesi successivi un lettino con le sbarre), un morbido fasciatoio con cassettiera incorporata, per riporre il corredino, una poltrona o una sedia a dondolo, per garantire comodità alla mamma mentre culla o allatta il bambino, un tappeto morbido e anallergico dove adagiare il bambino per abituarlo all’ambiente circostante. Poiché avrete a che fare con spazi molto ristretti, consigliamo di progettare la stanza a tavolino, pensando anche al futuro, perché la crescita di un bambino è più rapida di quanto si pensa, e la cameretta deve gradualmente adattarsi a tutte le sue esigenze.

COME ARREDARE LA CAMERETTA DI UN NEONATO: SPAZIO ALL’ORGANIZZAZIONE.
Per arredare la cameretta di un neonato, l’ideale è suddividerla in tre macro-zone: la zona notte, in cui si collocherà dapprima la culla e, quando il bambino sarà più grandicello, un lettino con le sbarre che consigliamo di appoggiare alla parete per il lato lungo, soprattutto se lo spazio è limitato. Poi non può mancare la zona igienica, con fasciatoio per il cambio del pannolino e cassettiera per riporre biancheria, vestitini, biberon e materiale per la pulizia del neonato. Anche questo può essere appoggiato a una parete, possibilmente di fianco al lettino. Infine, la zona ludica che, con l’età scolare, diventerà zona studio. Qui è pratico collocare contenitori per giochi e giocattoli, bauli, cesti, panieri, che cambieranno nel corso degli anni. Vi consigliamo di collocare questa zona vicino alla finestra per godere maggiormente della luce naturale e giocare in tutta spensieratezza.

COME ARREDARE LA CAMERETTA DI UN NEONATO: LARGO ALLA FANTASIA.
Dopo aver arredato e organizzato la cameretta del vostro bimbo con le opportune strategie salvaspazio, si può passare alla fase di decorazione. L’idea di fondo è quella di creare un ambiente giocoso e allegro, ma anche perfetto per conciliare il sonno del bebè. Per prima cosa dovete scegliere il colore delle pareti. Se la stanza è piccola, meglio usare il bianco, da ravvivare con i colori di decorazioni e giocattoli o colorando una sola parete. Evitate colori tristi, come il grigio e il nero e sceglietene invece di allegri come il rosso, il giallo, il verde, il blu o le tinte pastello che tra loro si combinano sempre bene. Importantissima l’illuminazione, che deve essere soft per conciliare la nanna e non stimolare troppo la vista del neonato. In questo caso, meglio prediligere illuminazione a led o regolabile per intensità. Infine non possono mancare i giocattoli: bambole, cavallucci a dondolo, una casetta in miniatura, formine o peluche giganti. Tra i regali di cui vi colmeranno amici e parenti, ci sarà solo l’imbarazzo della scelta!

COME ARREDARE LA CAMERETTA DI UN NEONATO: LA SICUREZZA PRIMA DI TUTTO.
Allestire una cameretta vuol dire soprattutto pensare alla sicurezza del neonato. Assicuratevi che le vernici che utilizzerete, così come la verniciatura di infissi e caloriferi siano all’acqua per non liberare essenze nocive nell’aria. Naturalmente, anche il lettino deve essere a norma, così come tutti i mobili della cameretta, sia per i materiali utilizzati sia per le vernici di rivestimento. Nel lettino, meglio evitare coperte o paracolpi troppo morbidi nel quale il bebè rischierebbe di incastrarsi e di non respirare bene. Infine, l’impianto elettrico: le prese andranno coperte per evitare che il neonato, quando sarà in fase di gattonamento, possa infilarci le dita ed è meglio evitare lampade con filo al quale il bambino potrebbe attaccarsi, facendole precipitare, solo per curiosare in giro.

Menu