TAPPETO SÌ O TAPPETO NO?

Il tappeto è un elemento d’arredo che può fare la differenza in casa, ma quali potrebbero essere i più adatti a voi? Scopriamolo insieme.


Tappeto sì o tappeto no: il famoso persiano.
Tra i più famosi tra i tappeti, c’è quello persiano.
Solitamente utilizzato per decorare il salotto, il tappeto persiano è prezioso perché tessuto a mano ed è una parte essenziale della cultura iraniana.
Il loro valore è attribuito, oltre che ai numerosi dettagli e alla loro complessa tessitura, alla sua antichità.
Spesso, infatti, i tappeti persiani risalgono a tempi antichi.
Se sceglierete un tappeto persiano per il vostro salotto, dovrete fare attenzione che si integri con il resto dell’arredamento senza appesantirlo.
Se avete animali domestici o bambini piccoli che potrebbero rovinarlo, non è molto consigliato.

Tappeto sì o tappeto no: morbido e caldo.
Soprattutto negli ultimi anni, vanno di moda i tappeti “pelosi”, fatti di pelo sintetico o di lana.
Questi modelli possono essere utilizzati sia in salotto che in camera da letto, soprattutto in inverno.
Non sono particolarmente preziosi, possono essere utilizzati anche con i bambini per giocare.
Molto utilizzati per arredare in stile Hygge, di cui abbiamo parlato nel nostro blog.

Tappeto sì o tappeto no: semplicità ed eleganza.
Non tutti i tappeti sono fatti per saltare all’occhio, alcuni vengono utilizzati semplicemente per “staccare” dalla tinta unica del pavimento e per dare un leggero tocco di eleganza agli ambienti.
Lago Design propone la sua linea di tappeti, offrono un’elevata resistenza senza rinunciare all’inconfondibile qualità Lago.
Per il bagno, invece, sono un classico i tappetini ai piedi della vasca, della doccia e del lavandino, utili per evitare di bagnare e macchiare il pavimento.
Che ne dite di un paio di scendiletto in camera? 

Avete deciso se i tappeti fanno per voi? Continuate a seguire il nostro blog per altri consigli, o recatevi in uno dei nostri showroom!