UNA CASA SU MISURA: LO STILE MINIMAL.

Il periodo festivo che si avvicina potrebbe essere una buona occasione per fare un pò di decluttering e adottare uno stile minimal per la nostra casa.

Stile minimal: quando meno… è meglio! 
L’arredamento in stile minimal è innanzitutto, uno stile di vita. Abitare in una casa dove regnano l’ordine e la mancanza di “orpelli” non è certo da tutti. Questo non toglie che si possa portare questo stile anche fra le nostre pareti di casa, magari iniziando da un ambiente come la camera da letto, il bagno o la zona studio, che in poche semplici mosse possono trasformarsi in piccole oasi minimal. L’importante è tenere bene a mente il motto che sta alla base di tutto: “More is less”, meno è meglio…

Stile minimal: si parte dal decluttering…
L’arredamento in stile minimal si caratterizza per la presenza di pochi mobili e spazi ariosi. La prima cosa da fare è quindi liberarsi di tutti quegli oggetti e soprammobili che sono di troppo. Il decluttering, di cui abbiamo parlato in questo articolo, non consiste nel liberarsi di tutto il superfluo, ma nel saper scegliere gli oggetti che hanno ancora qualche significato per noi. Stessa cosa per i vestiti negli armadi, gli oggetti inutili all’interno dei pensili o le mille cose che accumuliamo negli sgabuzzini di casa.
Sul sito Apartmentherapy, trovate tantissimi consigli per iniziare dedicati in particolar modo a chi abita in ambienti piccoli, dove l’ordine e l’esigenza di spazi armonici si fa ancora più sentire.

Stile minimal: spazio ai materiali naturali.
La casa minimal ideale è un loft, con molto spazio al centro e i mobili posizionati lungo le pareti. Anche le luci sono spesso sospese proprio per aumentare la percezione visiva dello spazio. Sempre a tale fine, le pareti sono spesso disadorne o accolgono un solo grande quadro/cornice/specchio che in questo modo viene valorizzato al massimo. Chi arreda casa in stile minimal, ama le tinte neutre per pareti e mobili, e l’utilizzo di materiali naturali (legno, rafia, rattan, pietra, marmo) alternati al metallo. L’importante è che siano materiali duraturi, rispettosi dell’ambiente e di estrema qualità. Un esempio di perfetta cucina minimal? La cucina Joy di Snaidero che mette in risalto ciò che veramente conta in una cucina: i valori duraturi dei materiali e la loro combinazione.

Stile minimal: un pò d’sipirazione.
Non sapete da che parte cominciare? Sugli scaffali delle librerie trovate davvero tante ispirazioni. Come ad esempio il libro “Minimalismo per vivere meglio”, un manuale per tenere in ordine la casa e trovare più tempo ed energia per se stessi. Oppure, “Architettura e interni Minimalisti”  dove i progetti presentati sono corredati dalle planimetrie e da fotografie a tutta pagina.
Se invece non siete ancora pronti ad adottare il minimalismo per l’arredamento di casa, potete cominciare a fare un pò di riordino nella vostra vita di tutti i giorni con i consigli del libro “Minimalismo digitale”
Da cosa, nasce cosa…

Menu