Abitare in mansarda: come sfruttare al meglio ogni spazio.

Se sognate di abitare in mansarda o ne dovete arredare una, avrete certamente bisogno di qualche consiglio, per sfruttare al meglio ogni più piccolo spazio.


Abitare in mansarda: fa davvero per voi? Calcoliamo i pre e i contro.
La mansarda è un appartamento ricavato dai locali del sottotetto in cui lo spazio calpestabile è ridotto dal tetto, più o meno a spiovente, e dove al posto delle finestre i lucernari, garantiscono una luminosità ai locali. Deve il suo nome all’architetto francese François Mansart che, per primo, progettò questa tipologia casa, che può risultare molto scenografica grazie al soffitto con le travi a vista e davvero accogliente per chi non sopporta il rumore. I contro? A molte mansarde non si riesce ad accedere con l’ascensore e sei il tetto non è perfettamente isolato si rischiano problemi climatici. E anche l’arredamento deve essere curato in ogni dettaglio, spesso con mobili costruiti su misura, perché la disposizione dell’arredo è vincolata dalla pendenza del tetto.

Abitare in mansarda: colori e mobilio.
Partiamo dalla scelta dei colori di pareti e soffitto, questione non trascurabile poiché il soffitto è visibile a colpo d’occhio e incombe sulle pareti. In questo caso, meglio non giocare troppo di creatività: è meglio scegliere un colore che sia chiaro, per illuminare correttamente l’ambiente, possibilmente ben abbinabile al mobilio. In generale mobili e complementi d’arredo devono scaldare l’ambiente e interpretare il gusto contemporaneo con originalità: occorre quindi combinare accertamenti armoniosi con tonalità neutre, preferendo materiali naturali come il legno, la pietra o il bambù.

Abitare in mansarda: piccoli trucchi per ogni ambiente.
La cucina è l’ambiente che richiede maggiore altezza, soprattutto per il piano cottura e la cappa, in modo da evitare inconvenienti mentre siete ai fornelli. Il modello a isola è quello più facile da gestire, proprio perché il tavolo può essere posizionato nella parte più bassa dello spiovente. Per la camera da letto, meglio prediligere armadi con ante a scorrimento e letti bassi, magari dotati di contenitore o di rotelle per essere facilmente trasportabili. Anche in soggiorno potrete utilizzare al massimo ogni spazio, posizionando le consolle portaoggetti e il divano nella parte più bassa, oppure realizzando delle librerie su misura, per sfruttare ogni centimetro di parete. E per la zona bagno prediligete la vasca o i modelli di docce su misura dall’effetto altamente scenografico.

Abitare in mansarda: il giardino segreto…
Vivere una mansarda può dare una sensazione di claustrofobia, che può influire negativamente sul benessere psicofisico di chi ci vive. Fortunatamente ci sono anche delle situazioni abitative in cui è possibile ricavare nella mansarda uno spazio esterno da adibire a terrazzino, rinunciando a qualche metro quadro di una stanza. Una piccola oasi lontana dal rumore, dalla quale godersi un fantastico panorama sui tetti, facile da arredare con i mobili da outdoor e utile per aumentare l’illuminazione della casa e il riscaldamento naturale.

Menu